giovedì 29 gennaio 2015

politica e giochi di parole

Oggi  la prima elezione del nuovo presidente della Repubblica, da prae sideo  (siedo avanti, a capo). Mi  sono esercitato sui labili confini che grazie a un cambio di prefisso fanno di un de-putato un im-putato e di un politico s-pregiudicato un pregiudicato. Che il nostro presidente non si riveli alla fine un dis-sidente anziché un re-sidente del Quirinale?


Nessun commento: