martedì 28 febbraio 2012

nuovo commento (Stile)

Name: Stile

Email Address: g@h.io

Testo http://www.google.it/url?q=http://www.milano.ana.it/download/corso_stampa/Come_scrivere_01.doc&sa=U&ei=bQRNT436GqPj4QT4xcX0Ag&ved=0CBwQFjAE&usg=AFQjCNHN0BBGFkqBetFyaD3AJFjxw3wRvw


--
Date/Time: 2012-02-28 08:48:15 PST
Sender IP: 87.25.211.3 [Italy] | omt7pyrwif735c35
Referrer: http://blorghes.blogspot.com/search/label/commento

Response-O-Matic: Your form is working ($20 coupon enabled)

Francesco,

Congratulations on getting your form up and running.

$20 off -- Login to your Response-O-Matic account and look at the top-right of the screen. You should see a golden ticket there, redeemable for $20 off the plan of your choice.

If you have any questions or feedback for us, just reply to this email and we'll get back to you!

- Aaron
Response-O-Matic Support
http://www.response-o-matic.com

domenica 19 febbraio 2012

(Largo) Pasquale Ruggiero



Vescovi popolo e magia nel Sud

ricerche di storia socio-religiosa dal XVII al XIX secolo
Copertina anteriore
Guida, 1983 - 526 pagine


pag 248 [i morti] furono numerosi, e tra questi anche qualche prete, come Pasquale Ruggiero il 1° maggio 1861 "sacerdote colto, giovanissimo e pieno di amor patrio". "Non ci era giorno - scrive Basilide Del Zio, nella sua nota storia del brigantaggio nel Melfese - che non succedessero attacchi, incendi, fucilazioni e scene raccapriccianti...".

pag. 249 L'uccisione del sacerdote Pasquale Ruggiero è noverata dallo stesso Del Zio: il Ruggiero tornava da Napoli a Melfi insieme ad altri sacerdoti che facevano parte della giunta insurrezionale melfese. In prossimità della città il gruppo fu raggiunto dai briganti: gli altri sacerdoti, che erano a cavallo, poterono sfuggire al fuoco e alla cattura mentre il Ruggiero, che procedeva a dorso di mulo, fu preso, nonostante avesse tentato di nascondersi in un seminato: «lo uccisero lentamente a colpi di pugnali, con mille sevizie e torture». Idem, pp. 291-292. 4°

pag. 252 Il brigante, che si rintanava nei boschi e viveva di scorrerie, non facfeva distinzione tra il prete e il cittadino; in don Ruggiero vide il prete che aveva tradito il re legittimo e forse qualcosa altro, il prete colto, piccolo-borghese, percettore di decime, che stava coi signori.

Basilide Del Zio vs Carmine Crocco

Digitalizzazione



Il brigante Crocco e la sua autobiografia
Basilide Del Zio
Tipografia G. Grieco, 1903, pagine 113



Digitalizzazione OCR e Pubblicazione
a cura di Federico Adamoli 


Una lettera riprodotta dell'autore a pag. rende l'idea del vero stile letterario del brigante.

Crocco, ... in data 12 agosto 1861, ... aveva scritto la seguente lettera, che io riproduco nel modo come l'ho ricavata e coi medesimi errori e turpiloqui:
   «Al Signor, diceva l'indirizzo, L'Eccellenzo Cav. Giulio Rolland, di Torino, governatore della Provincia di Basilicata in Potenza.
   Sig. Governatore. Il primo di questo, vi ho diretto un'altro brevo, il quale non so se lo avete ricevuto e se l'avete ricevuto, non mi aveto risposto, siete un fesso, uno scellerato, un assassino più di me.
   Mangiasive fesso del Piemonte, imparati come si fa il magistrato altrimenti ti farò insegnare io, una cosa vi dico, pensa di farti una buona somma col fare ricatti a questi fessi di liberali del regno di Napoli affinché non vado impreta la parola di Napoliono anticho il quale nel vespro siciliano disse così: Il regno di Napoli, deve essere poveri e cornuti, badate alle mie parole, che poco vi resta di galeare... Mi soffermo
   Carmine Donatelli Crocco».

lunedì 13 febbraio 2012

Una parafrasi dei bisogni della SDT

I tre bisogni identificati da Deci e Ryan mi sembrano riduttivi, potrebbero essere ampliati con questi tre, che mi sembrano di più ampio respiro e dal suono tra l'aristotelico e il giacobino:
autonomia, competenza e relazionalità diventano libertà, qualità e solidarietà.

sabato 4 febbraio 2012

Vacuum addominale

UN APPROFONDIMENTO SUL VACUUM

L'ADDOME SPORGENTE
Molti famosi bodybuilders, seppur con una bassissima percentuale di grasso corporeo, e anche se delineano una marcata separazione, si sono spesso presentati sul palco con l'addome evidentemente "sporgente" (un tipico esempio è Dorian Yates)
Fortunatamente esistono alcuni esercizi, lasciati un po' nel dimenticatoio, che possono attenuare tale problema, agendo proprio su quella fascia muscolare che, anche se non visibile, è quella che mantiene gli organi interni al proprio posto e, rinforzata in modo adeguato, vi potrà dare un aspetto migliore, sia dal punto di vista posturale, sia da quello puramente estetico.
LE CAUSE: COMPORTAMENTI ERRATI
Tuttavia, non è solo la mancata esecuzione di esercizi specifici la causa vera e propria di un addome prominente (anche se tale carenza contribuisce ad accentuare il problema). E', infatti, una serie di comportamenti, alcuni più diffusi tra i bodybuilders, altri meno, che crea una consistente dilatazione della parete addominale e che contribuisce alla sporgenza dello stomaco.
Normalmente, la guaina addominale e il tono dei muscoli interni sono sufficienti a tenere gli organi all'interno della cavità addominopelvica, ma esistono alcuni fattori che possono estendere la parete viscerale, come un pasto eccessivo o il rilassamento su un morbido divano. Infatti, dopo un pasto lo stomaco e l'intestino sono leggermente dilatati ed occupano uno spazio maggiore rispetto alla situazione in cui sono vuoti. Se il pasto è eccessivo, lo spazio occupato dagli organi interni è ancora maggiore. Quindi, se un soggetto si siede con le ginocchia piegate a 90 gradi, lo spazio disponibile nella cavità addominale diminuisce ulteriormente. Aggiungendo, poi, la naturale predisposizione delle spalle a curvarsi in avanti quando si assume una posizione di relax, si può facilmente capire che il diaframma, il muscolo che separa l'addome dal torace, subisce una notevole pressione durante la sua discesa, imponendo un'aggiuntiva riduzione dello spazio disponibile. 
Per quanto riguarda i bodybuilders, l'ingestione di grandi quantità di acqua o di uno shaker e la successiva esecuzione di esercizi nei quali il busto viene piegato in avanti, oppure l'utilizzo di una cintura da sollevamento, creano una potente pressione intra-viscerale.

GLI ESERCIZI CORRETTIVI

Il Vacuum addominale è un esercizio che nello yoga viene chiamato Uddiyana Banda e che ha lo scopo di rinforzare la muscolatura della regione addominale, proteggere gli organi interni, fornire stabilità e aiutare alla regolazione della pressione toracica. Inoltre, perfeziona la respirazione e migliora la circolazione. I muscoli coinvolti sono principalmente gli interni obliqui e il traverso addominale, ma sono coinvolti anche gli intercostali e l'iliaco. Per i principianti, l'esecuzione potrebbe risultare difficoltosa, poiché è necessario un po' di tempo e di impegno per riuscire a rinforzare e tenere sotto controllo la regione addominale.

ESECUZIONE DEL VACUUM ADDOMINALE
Eretti, con le mani sui fianchi e le gambe divaricate, espirare in modo rapido tutta l'aria dai polmoni. Appena tutta l'aria viene espulsa, il diaframma si innalza verso la cavità toracica. Inclinarsi leggermente in avanti e incavare lo stomaco il più possibile e cercare di percepire la tensione addominale. Trattenere il respiro per circa cinque secondi. Tale esercizio può essere eseguito anche rimanendo seduti, oppure giacendo supini. Eretti, con le mani sui fianchi, espirare completamente. Eseguire dalle 10 alle 20 ripetizioni con brevi intervalli per riprendere fiato.Una variante si può eseguire espandendo la cassa toracica nel medesimo istante in cui si incava lo stomaco. (è possibile sollevare la cassa toracica anche dopo aver espirato completamente)
Una volta imparata perfettamente l'esecuzione del Vacuum addominale è possibile esercitarsi con la seguente, ma più avanzata, tecnica.
ESECUZIONE DEL NAULI KRIYA 
In posizione eretta, eseguire il vacuum addominale e portare le mani sui fianchi. In questa posizione, cercate di rilassare il centro dell'addome, contraendo contemporaneamente la muscolatura del lato destro e sinistro, cioè gli obliqui interni. Questo, porterà i muscoli centrali ad assumere una posizione verticale, chiamata Madhyana Nauli (contrazione centrale).
Dopo aver appreso la tecnica della contrazione centrale, il passo successivo è quello di riuscire a contrarre i muscoli dell'addome destro (Dakshina Nauli) e sinistro (Vama) separatamente. La tecnica è praticamente la medesima della contrazione centrale, a parte il fatto che bisogna applicare una pressione maggiore sui fianchi con le mani: per contrarre il lato destro, premere con la mano sul fianco, inclinandosi leggermente sul lato destro. 
Procedere, quindi, alla contrazione successiva della parte centrale e sinistra, mantenendo sempre il vacuum. Tale tecnica vi aiuterà notevolmente ad avere il controllo assoluto sugli addominali, a sviluppare un tono eccellente e a combattere la prominenza addominale.
Chi volesse approfondire l'argomento può trovare un approfondito trattamento di tali esercizi yoga sul manuale "Complete Illustrated Book of Yoga" di Swami Vishnudevananda)

mercoledì 1 febbraio 2012

Bear Berengario berserk Beowulf

In antico norvegese, è risaputo, il termine berserk, “pelle d’orso”, designava ben note figure di guerrieri feroci e invasati.

umanità della fiera silvestre. In antico inglese bera era il termine utilizzato per l’animale, mentre il sinonimo beorn assunse il significato prevalente di guerriero.37 Il nome di Beowulf, protagonista dell’omonimo poema e modello di guerriero tragico ed eroico, è una perifrasi poetica per orso: è il “lupo delle api”, con riferimento alla passione dell’orso per il miele che lo rende naturale nemico delle

Eroi che sognano orsi

Walter, Sigfrido e l'epica nordica